Italia: Blockchain fornisce soluzioni per l'agricoltura 4.0

Feb 18, 2019 at 13:24 // News
Author
Coin Idol
Le innovazioni digitali come la tecnologia Blockchain, l'internet delle cose, i contratti intelligenti, l'intelligenza artificiale e altri sono entrati nella catena Agrifood.

L'ultima ricerca dell'osservatorio Smart Agrifood della School of Management del Politecnico di Milano offre una visione chiara del mercato italiano dell'agricoltura 4.0. Le innovazioni digitali come la tecnologia Blockchain, l'internet delle cose, i contratti intelligenti, l'intelligenza artificiale e altre sono entrate nella catena Agrifood con soluzioni massicce che hanno innescato la competitività dell'intero settore. Pertanto, ha aumentato la qualità e la tracciabilità dei prodotti alimentari Made in Italy.

Attualmente, ci sono più di 133 soluzioni tecnologiche per la tracciabilità che operano all'interno del mercato italiano. Inoltre, il 44% delle aziende che li ha adottati ha fatto progressi in termini di efficienza, competenza ed efficacia, riducendo in tal modo significativamente i tempi e i costi, riporta 01net.

I primi 3 paesi europei nella produzione agricola

Le tecnologie digitali hanno un impatto significativo sull'efficienza, la buona organizzazione e l'efficacia degli esercizi di tracciabilità dei prodotti alimentari. Il 30% delle aziende che hanno adottato soluzioni di tracciabilità digitale ha registrato una diminuzione degli errori di immissione dei dati e il rischio maggiore di alterazione (manomissione). Circa il 27% ha registrato una riduzione dei costi necessari per attivare le procedure di rintracciabilità e il 21% è stato raggiunto per risparmiare tempo durante la raccolta dei dati.

Anche le procedure e i rapporti nella catena di fornitura beneficiano molto da queste soluzioni. In particolare, per quanto riguarda i costi di gestione delle scorte (15%), la diminuzione degli sprechi alimentari (14%) e l'unione dei rapporti di filiera (13%). Anche il 13% delle aziende ha registrato un aumento delle vendite. Mentre oltre il 14% sottolinea la necessità di concentrarsi sulle soluzioni per far avanzare i processi di certificazione.

Secondo il rapporto Istat, l'Italia è tra le prime 3 nazioni europee per la produzione agricola. Ortofrutta, viticoltura e olivicoltura sono i principali settori dell'agricoltura in Italia.

Le già citate 133 soluzioni tecnologiche per la tracciabilità alimentare esistenti sul mercato italiano vengono coinvolte nei processi di identificazione, acquisizione, registrazione, analisi, integrazione e trasmissione. E il 59% di queste soluzioni tecniche sono ancora "tradizionali": convertono i dati in digitale, richiedendo un contributo umano importante.

Le più estese sono le piattaforme software per la registrazione, l'integrazione e l'elaborazione dei dati (62%). Seguono soluzioni tecnologiche che raggruppano strumenti hardware e software (30%) e strumenti hardware come sensori di Internet of Things (IoT) e lettori di codici a barre (8%). Tra i più lungimiranti (42%), gli altamente applicati sono l'RFID (Radio-Frequency Identification, del 20%), seguito da Cloud (19%), Big Data Analytics (14%) e IoT (10%) rispettivamente .

L'interesse dei cittadini italiani per l'applicazione delle tecnologie blockchain nella catena di approvvigionamento alimentare sta aumentando notevolmente. Oggi, ci sono circa 42 progetti internazionali e italiani registrati e mappati dal 2016 al 2018, e il numero è più che raddoppiato nel 2018.   

Produzione standard per tipo di agricoltura principale, Italia, 2010

Si tratta di iniziative importanti che, nel 24% dei casi, sono applicate in diversi settori. In particolare, il 21% è dedicato alla filiera della carne (come maiale, pollo, manzo, montone, tacchino, vitello, coniglio e altri, il 17% alla frutta (come mela, pera, banana, arancia, mandarino, pompelmo, pesca , albicocca, fragola, ciliegia, ananas, limone, cocco, anguria e altri) e verdure (come lattuga, carota, pomodoro, cicoria, sedano, zucca, melanzana, zucchine, ravanello, cipolla, aglio, prezzemolo e altri) e 10 % a cereali come miglio, riso e frumento Nel 50% dei casi, un ruolo di leadership forte è stato svolto dagli attori nella distribuzione e trasformazione. 

Complessità della supply chain

La versione più semplice di una catena di fornitura in Italia comprende un'azienda, i suoi fornitori e i clienti di tale azienda. La catena potrebbe probabilmente assomigliare a questo: produttore di materie prime, produttore, distributore, rivenditore e infine cliente al dettaglio.



Nel frattempo, l'Italia ha ancora bisogno di una maggiore implementazione della tecnologia blockchain. L'era dell'energia, dell'innovazione e della digitalizzazione sta contribuendo notevolmente a una trasformazione significativa, come recentemente riportato da Coinidol.

Il settore ha sperimentato un cambiamento molto ampio a causa della blockchain poiché ha nuovi strumenti per sfidare e gestire la questione della sostenibilità. La tecnologia blockchain ha le impostazioni per produrre in modo efficace una rete energetica peer-to-peer.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/blockchain-provides-solutions/