Il mercato della blockchain e della criptovalute cresce del 76% in Italia

Mar 04, 2019 at 09:31 // News
Author
Coin Idol
Le imprese più attive coinvolte nella blockchain sono società finanziarie con il 48% dei casi, PA con il 10% e l'8% per gli operatori logistici, ma molto resta ancora da fare.

Secondo i dati dell'Osservatorio Polimi, le imprese più attive sono le società finanziarie con il 48%, la pubblica amministrazione (PA) con il 10% e l'8% per gli operatori logistici, ma molto resta ancora da fare: il 60% delle aziende totali non ha un budget dedicato, e solo il 2% di loro considera la tecnologia blockchain una delle maggiori priorità.

La tecnologia blockchain ha ora sganciato il suo scopo da quello delle criptovalute e ha ottenuto la massima visibilità per entrare nel settore finanziario. Mentre Bitcoin e altre criptovalute sentono un momento difficile e un profondo ribasso nella capitalizzazione di mercato, la tecnologia su cui sono basati i criptoasset ha iniziato a operare in modo indipendente e ad ha iniziato ad utilizzare il suo potenziale su una scala globale, attirando l'attenzione delle grandi aziende.

In realtà, dal 2016 al 2018, oltre 579 progetti basati su blockchain sono stati industrializzati su scala internazionale, circa 328 dei quali sono solo per il 2018, con una forte crescita del 76% rispetto al 2017.

Recentemente, i siti del centro di competenza Bi-Rex sono stati aperti a Bologna, il primo consorzio pubblico-privato di 8 piani in Italia dal Piano Industria 4.0, come riportato da Coinidol. L'impianto pilota Industria 4.0 vuole iniziare a utilizzare la tecnologia blockchain anche nella meccatronica.

Podio europeo di Blockchain

Diverse pubblicazioni, prototipi e progetti operativi stanno cambiando, con oltre il 56%, principalmente a causa del crescente interesse crescente nell'argomento, in particolare nel settore finanziario, che da solo dipende dal 48% dei progetti blockchain, dalla PA al 10% e dalla logistica gli operatori contano sull'8%.

La tecnologia nascente viene utilizzata prevalentemente per la gestione dei pagamenti e la gestione dei documenti: questi due costituiscono il 24% del totale e il 22% è destinato alla tracciabilità della catena di approvvigionamento. L'anno scorso, l'Italia è stata in grado di ottenere un posto apprezzabile nel panorama europeo per numero di progetti, con circa 19 iniziative che hanno potuto contare su un'alta visibilità dei media con un totale di 150.

Tuttavia, il mercato è ancora nuovo e può dipendere da abbondanti opportunità di sviluppo: secondo un'indagine condotta su 61 Chief Innovation Officer di enormi aziende italiane, sembra che il 59% delle aziende abbia avviato sperimentazioni o stiano per iniziare, ma gli investimenti sono ancora limitato e circa il 59% non ha un budget dedicato.

Inoltre, il 26% del campione afferma di avere una conoscenza elevata della "blockchain", mentre circa il 31% è ancora ignorante riguardo all'argomento in questione. Il 32% rappresenterà una rivoluzione e il 2% del COI lo rifletterà come una necessità principale.

Internet del valore

Questi sono alcuni dei risultati della ricerca condotta dal Blockchain Observatory & Distributed Ledger della School of Management del Politecnico di Milano, che è stata presentata ufficialmente durante la conferenza "L'universo di Internet of Value, tra le galassie della Blockchain" al campus Bovisa.

"Il crollo del valore delle criptovalute non ha rallentato l'evoluzione e la diffusione di Blockchain tra le aziende, che hanno registrato una forte crescita del numero di annunci e progetti operativi - afferma Valeria Portale, direttore di Blockchain Observatory & Distributed Ledger - In Italy solo il 3% delle grandi aziende ha già progetti operativi e gli investimenti sono ancora limitati, in parte perché la maggior parte delle aziende ha poca conoscenza di questa tecnologia, ma è attesa una crescita nei prossimi anni. Per sfruttare i vantaggi di questa rivoluzione sarà necessario lavorare su gli ostacoli che attualmente ne limitano l'uso: la mancanza di competenze, la scarsità di risorse disponibili e la difficoltà di valutare i benefici attesi."

"La Blockchain è maturata molto nel 2018, grazie anche agli sforzi della comunità degli sviluppatori di far evolvere le piattaforme Distributed Ledger che compongono l'Internet of Value, un sistema che consente lo scambio di beni preziosi senza intermediari e in modo programmabile attraverso smart contract - afferma Francesco Bruschi, direttore dell'Osservatorio - Oltre al Bitcoin ci sono oltre 800 applicazioni con caratteristiche diverse: lo sviluppo di una moltitudine di piattaforme può sollevare una domanda: quale di queste prevarrà sul lungo termine? Molte piattaforme di scambio di valore coesisteranno, insieme ai loro rispettivi token, che saranno usati per scopi diversi. "

Tuttavia, la crescita nell'uso della tecnologia blockchain, criptovaluta e adozione di smart contract in Italia è facilitata dalle modifiche del DL  Semplificazioni 2019.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/cryptocurrency-market-grows/