In Vino Veritas: il vino italiano diventa Blockchain

Apr 12, 2019 at 09:26 // News
Author
Coin Idol
Attualmente l'Italia è rinomata per i suoi rossi galanti come il Chianti Classico, il Barbaresco, il Barolo e il Brunello.

Politici di spicco tra cui i due vice-premier del Consiglio italiano, imprenditori, aziende, istituzioni riuniti a Vinitaly per discutere su come migliorare l'industria del vino e il Made in Italy utilizzando le tecnologie innovative come blockchain, smart contract, internet of things, intelligenza artificiale e altri.

Attualmente l'Italia è rinomata per i suoi rossi galanti come il Chianti Classico, il Barbaresco, il Barolo e il Brunello ma una vasta gamma di vini bianchi rinomati viene prodotta anche con il Pinot Grigio, il Soave e l'Arneis, oltre ai vini frizzanti come Asti e Prosecco.

"Essere qui significa ringraziare tutti gli imprenditori del mondo che portano il Made in Italy e ci permettono di avere una reputazione indiscussa per quanto riguarda il marchio italiano: il vino è una forza trainante per le nostre esportazioni", ha rivelato il ministro del MISE Luigi Di Maio.   

Industria del vino sfrutterà la blockchain   

Oltre 4.600 aziende vinicole dall'Italia e circa 35 nazioni, che incontreranno professionisti e acquirenti di oltre 140 paesi in tutto il mondo, "nel più grande Vinitaly di sempre", hanno partecipato.   

"La politica cerca il vino per quattro motivi: primo perché è buono, secondo perché è un business, terzo perché è protezione del territorio, quarto perché rappresenta l'Italia nel mondo. I negoziati in Europa sul nuovo Pac sono iniziati male, nel senso che il bilancio annuale toglie dall'Italia almeno due miliardi di euro, in quanto governo non voteremo mai per un bilancio che toglie denaro all'agricoltura italiana, e soprattutto lotteremo per difendere il Made in Italy, frenato finora ‘’per me il vino è rosso e fermo, ma non eccellente", ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini.   

Il MISE ha investito 40 milioni di euro in Ledger distribuito   

"Useremo il successo del mondo del vino all'estero per guidare tutte le esportazioni italiane, il passo successivo è combattere il falso Made in Italy: ma ci stiamo già lavorando, con la tecnologia blockchain, sulla quale abbiamo già investito 40 milioni di euro nel MISE per testarlo e poi, ci vuole la diffusione della cultura enogastronomica, che viene fatta attraverso accordi commerciali, come quello per la Via della seta chiusa con la Cina, o la visita negli Emirati Arabi Uniti ( Emirati Arabi Uniti) la settimana prossima e la visita della scorsa settimana negli Stati Uniti", ha detto Di Maio.   

"Abbiamo appena stanziato 140 milioni di euro per l'esportazione di Made in Italy, che è fondamentale per il governo, e spero che vengano spesi il prima possibile, per l'intero settore e per l'intera filiera", ha aggiunto.   

Recentemente, molte società italiane legate alla blockchain come il gruppo Intesa SanPaolo e l'associazione Italia4Blockchain si sono unite ad altre grandi aziende tra cui IBM, ConsenSys, Ripple, IOTA e Cardano, per far parte dell'Associazione Internazionale per l'affidabilità Blockchain di applicazioni ( INATBA). L'adozione della tecnologia di contabilità distribuita (DLT) continua a diffondersi in diversi settori importanti come il turismo, l'agroalimentare, il tessile e molti altri, nel paese.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/italian-wine-blockchain/