Progetto Made in Italy: la blockchain cambierà l'industria tessile

Mar 21, 2019 at 11:26 // News
Author
Coin Idol
La tecnologia Blockchain supporterà il progetto Made in Italy, proteggendo la sua unicità e qualità come la certificazione della catena di fornitura.

Il primo progetto pilota per l'utilizzo della blockchain per le PMI nell'industria tessile è stato presentato ufficialmente al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) il 13 marzo. La tecnologia Blockchain supporterà il progetto Made in Italy, proteggendo la sua unicità e qualità come la certificazione del supply chain grazie al meccanismo del "registro condiviso" che consente di raggiungere la massima sicurezza per quanto riguarda le pugnalate contraffatte.

Blockchain è una tecnologia che consente di utilizzare un database distribuito nella gestione delle transazioni condivisibili tra i vari nodi di una rete. Ogni blocco della catena deve tracciare, monitorare e autenticare i movimenti che lo riguardano per creare una rete che garantisca la tracciabilità di tutte le transazioni. La tecnologia utilizza strumenti crittografici, al fine di garantire la massima sicurezza per ogni singola transazione.   

Obiettivi del progetto   

L'obiettivo principale del suddetto progetto, che è stato assegnato a IBM, è principalmente quello di accertare tutti i vantaggi della tecnologia di contabilità distribuita (DLT) all'interno dell'industria tessile Made in Italy a proposito: tracciabilità delle merci lungo la catena di fornitura; certificazione dell'origine al cliente; prevenire la contraffazione; e garantire la sostenibilità sociale e ambientale delle produzioni.   

Questo mega progetto si divide in due fasi principali: la prima parte tratta dello studio di fattibilità e fornisce un'attività di investigazione e pensiero progettuale finalizzata all'individuazione di casi particolari per l'analisi dei processi produttivi con le imprese che utilizzano blockchain; e la seconda fase riguarda la vera sperimentazione e termina con un breve studio delle situazioni di fattibilità per le catene del settore che derivano dai risultati della fase esplorativa.   

Aumentare la fiducia dei consumatori tramite Distributed Ledger Technology   

I promotori del progetto intendono che il progetto pilota crei un modello rudimentale per vari settori locus del Made in Italy.   

La tracciabilità della catena del settore conciario e tessile mediante l'utilizzo della Distributed Ledger Technology aggiungerà qualcosa di significativo per proteggere i prodotti made in Italy.   

"Contribuisce ad accrescere la fiducia dei consumatori, a creare condizioni di trasparenza, a garantire l'occupazione e la protezione dell'ambiente", ha dichiarato Andrea Cioffi, sottosegretario allo sviluppo economico.   

"La tracciabilità di questa supply chain, attraverso l'utilizzo della tecnologia Blockchain, può davvero contribuire a proteggere il prodotto Made in Italy, certificandone l'effettiva implementazione in Italia, contribuendo ad accrescere la fiducia dei consumatori, creando anche condizioni di trasparenza, garanzia di occupazione e protezione ambientale ", ha aggiunto.  

Recentemente, alcune aziende italiane hanno iniziato ad applicare la tecnologia blockchain nella loro catena di produzione. Per esempio nella produzione di Bufala Campana DOP e mozzarella, come riportato da Coinidol.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/change-textile-industry/