L'Italia sperimenta con regolamenti la Blockchain

Jun 24, 2019 at 10:13 // News
Author
Coin Idol
È un miglioramento da parte della Lega al decreto di crescita per avviare nuovi sviluppi in questi mercati rivoluzionari, stabilendo le condizioni affinché i nuovi partecipanti operino all'interno di un ambiente definito e supervisionato mentre assapora una pista preferenziale per le startup.

La Banca Centrale d'Italia, l'autorità governativa d'Italia responsabile della regolamentazione del mercato italiano dei valori mobiliari, la CONSOB, l'IVASS (Istituto Italiano per la Vigilanza delle Assicurazioni) e il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), stanno cercando di esplorare le applicazioni della tecnologia finanziaria (fintech), blockchain e intelligenza artificiale (AI) nel settore finanziario, creditizio e assicurativo, ma con specifiche regole e regolamenti.

È un miglioramento da parte della Lega al decreto di crescita per avviare nuovi sviluppi in questi mercati rivoluzionari, stabilendo le condizioni affinché i nuovi partecipanti operino all'interno di un ambiente definito e supervisionato mentre assapora una pista preferenziale per le startup.

Autorità per attuare il regolamento Blockchain   

Il suggerimento è stato ufficialmente sancito dalle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, e prevede un regolamento che sarà adottato entro tre mesi (90 giorni) dalla data di entrata in vigore della legge che modifica il decreto, per la sperimentazione con tecnologia- operazioni di finanza, basate sull'amplificazione di algoritmi e poi su blockchain, tecnologia ledger distribuita o intelligenza artificiale.   

L'esperimento dovrà durare al massimo un anno e mezzo (18 mesi) con obblighi di base e tempo ridotto per le procedure di approvazione. Inoltre, modifiche normative irrisolte, al termine dell'esperimento saranno gestite da diverse autorità del settore, a partire dalla Banca d'Italia fino alla CONSOB, e potranno approvare temporaneamente i soggetti che hanno preso parte all'esperimento a partecipare al mercato la radice di una mera interpretazione razionalizzata della legislazione esistente.   

Il presidente della CONSOB e l'ex ministro degli affari europei Paolo Savona, è tra le persone che spingono per applicazioni innovative nel settore finanziario - il ministro sta dando molta importanza all'esplorazione del potenziale di blockchain, smart contract, AI e fintech nel settore finanziario.   

Blockchain da utilizzare nei controlli interbancari 

Ognuno nella propria area di responsabilità, la Banca d'Italia, la CONSOB e l'IVASS produrranno un rapporto di analisi annuale sul settore del fintech. L'attuale Comitato interministeriale, che è anche aperto a Bankitalia, CONSOB, IVASS e Antitrust, può avere nuovi scopi, come la stesura di proposte legislative.   

Il comitato avvierà un portale online dedicato alla sperimentazione entro 90 giorni, al fine di consentire il contatto tra i partecipanti e le istituzioni. Le stesse autorità possono richiedere accordi con centri di ricerca anche per aiutare la formazione del personale e per apprendere l'applicazione di tecnologie futuristiche ai loro eventi istituzionali.

Di recente, l'Italia ha annunciato la decisione di iniziare a utilizzare la tecnologia blockchain e fintech per i controlli interbancari negli istituti finanziari, a partire da marzo 2020. Attualmente viene elaborato uno schema denominato Spunta Project che sarà implementato in una varietà di processi interbancari.