Limitazioni di Bitcoin e regole antiriciclaggio in Europa

Dec 15, 2019 at 13:02 // News
Author
Coin Idol
l'Europa limita Bitcoin con regole antiriciclaggio

L'uso di Bitcoin e altre criptovalute è ancora difficile da controllare e richiede valutazioni scrupolose per qualsiasi segnalazione alle autorità italiane. Per ora, le criptovalute per le transazioni soggette a requisiti di tracciabilità possono essere utilizzate nei limiti del contante. Diamo un po 'di luce alle recenti normative antiriciclaggio (AML).

Finché il quadro normativo non è completo, l'uso delle criptovalute nelle transazioni che richiedono il monitoraggio dei flussi finanziari rimane limitato alla soglia di cassa. L'uso delle criptovalute è infatti scarsamente controllabile dalle autorità nazionali incaricate di ciò e richiede che il professionista effettui un'attenta valutazione del rischio allo scopo di segnalare una transazione sospetta.

La natura delle criptovalute

L'uso delle criptovalute si sta diffondendo anche in settori diversi da quelli degli acquisti online e sono documentati casi di vendite immobiliari e transazioni aziendali effettuate con lo scambio e l'uso di criptovalute, gli italiani si trovano ad affrontare una sorta di "denaro digitale".

Al contrario, i fornitori di servizi di Exchange e portafoglio prestano servizi simili a quelli di cambio valuta, trasferimenti di denaro e in generale quelli forniti da fornitori di servizi di pagamento, da tempo considerati tra i soggetti obbligati a conformarsi alla legislazione AML, quindi l'estensione di obblighi AML oggettivi e soggettivi era in qualche modo prevedibile.

Quando le parti intendono utilizzare una criptovaluta, l'operatore professionale deve affrontare due problemi principali: come rispettare le norme sulla limitazione dell'uso di denaro contante (articolo 49 del decreto legislativo n. 231/2007); come effettuare l'indicazione analitica dei mezzi di pagamento (ai sensi dell'articolo 35, comma 22, decreto legge 4 luglio 2006, n. 223).

È ancora in corso un vivace dibattito sulla natura giuridica dei bitcoin e delle criptovalute in generale: secondo alcuni, queste nuove forme di moneta elettronica, o "valuta automatica", potrebbero essere classificate come strumenti finanziari o attività immateriali, mentre altri credono che consistono in strumenti di pagamento e la diversa classificazione porta a risultati non sovrapponibili dal punto di vista della legislazione applicabile.

La tesi attualmente più accreditata è quella che assimila le criptovalute a strumenti di pagamento e valute complementari; tesi accettata dalla stessa Corte di giustizia europea e dall'Agenzia delle entrate (ris. n. 72 / E del 2016).

Il principale punto di attrito tra le valute virtuali e la legislazione antiriciclaggio è il loro completo anonimato: l'uso della cosiddetta tecnologia blockchain, infatti, garantisce con il registro distribuito l'impossibilità della doppia spesa e il tracciamento IT della  transazione, ma il fatto che le chiavi crittografiche che consentono l'uso delle criptovalute restano anonime.

Il rapporto con i regolamenti AML

Da qui la necessità, ai fini del rispetto della legislazione AML, che la loro circolazione avvenga attraverso operatori professionali (fornitori di borse e portafogli) che effettuano l'identificazione dei titolari dei loro conti.

Dal 10 novembre 2019 sono entrate in vigore le nuove normative AML in materia di criptovalute, fornitori di borse e portafogli, un segno dell'attenzione del legislatore su questo mondo per i possibili fenomeni di riciclaggio di denaro (ML) che potrebbero influenzarlo.

Il legislatore è ben consapevole che rimane la possibilità di trasferire criptovalute dai circuiti regolamentati, ad esempio attraverso il semplice trasferimento del portafoglio fisico che li contiene o tramite fornitori di servizi che hanno la loro sede in paesi che non prevedono alcun obbligo di identificazione dei suoi utenti.

Pertanto, fintanto che il quadro normativo non è completo, l'uso di valute virtuali nelle transazioni immobiliari o che in ogni caso richiede il tracciamento dei flussi finanziari rimane limitato entro la soglia minima stabilita per contanti; sarà consentito l'uso di criptovalute per importi superiori quando sarà possibile effettuare l'indicazione analitica dei mezzi di pagamento avvalendosi di operatori che rispettano le normative settoriali sopra menzionate.

In ogni caso, un'attenta valutazione della rischiosità del caso da parte del professionista è sempre necessaria poiché il circuito delle valute virtuali è in realtà scarsamente controllabile dalle autorità nazionali incaricate di ciò e di conseguenza l'opportunità di presentare un rapporto di transazione sospetto a fini di ML.


Show comments()