Italia: le autorità di Verona intervengono nelle truffe su Onecoin

Jul 07, 2019 at 14:25 // News
Author
Coin Idol
Mentre parliamo ora cinque persone residenti nelle province di Trento, Padova e Viterbo, in Italia, sono accusate di frode e uno di loro è stato segnalato per aver lavorato con altri due residenti nelle province di Verona e Mantova per utilizzare denaro, beni o utilità di origine illecita.

I finanziatori dell'Unità speciale antitrust di Verona, in Italia, hanno sequestrato circa 93 pagine social e 7 siti web, tra cui OneCoin,  offerte alle persone promettendo loro rapidi guadagni e profitti.

Mentre parliamo ora cinque persone residenti nelle province di Trento, Padova e Viterbo, in Italia, sono accusate di frode e uno di loro è stato segnalato per aver lavorato con altri due residenti nelle province di Verona e Mantova per utilizzare denaro, beni o utilità di origine illecita. 

Secondo le indagini svolte dalla Procura della Repubblica di Roma, è stata scoperta una truffa organizzata da 6 promotori italiani, alcuni dei quali sono ancora attivi nel Nord-Est, che avevano anche coinvolto il legale rappresentante di una ditta romana per la formazione aziendale. 

I truffatori offrivano servizi sul web, sui social media o con il tradizionale passaparola, molti corsi di formazione su argomenti finanziari che erano combinati con pacchetti di criptovaluta, che i clienti pagavano a partire da un minimo di € 100. 

Di fronte alla giustizia 

Nel frattempo, Konstantin Ignatov, l'amministratore delegato della frode valutaria digitale OneCoin sta per subire un processo giudiziario mentre è ancora dietro le sbarre. Ignatov è stato nominato dal Tribunale distrettuale meridionale di New York per avere un legame con la truffa , secondo il rapporto di Finance Feeds.

Anche la truffa OneCoin è entrata in Uganda e l'amministratore delegato ha persino documentato i suoi viaggi nel paese nel 2018, secondo quanto riportato da Daily Monitor e New Vision, i giornali locali. La Bank of Uganda (BoU) ha messo in guardia il pubblico contro l'uso di OneCoin, sostenendo che si trattava di uno schema di Ponzi non di una criptovaluta. Il truffatore Ignatov è sospettato di un complotto per perpetrare la frode telematica, una cattiva condotta che probabilmente lo lascerà dietro le sbarre anche per un massimo di due decenni, se giudicato colpevole.

Il governo degli Stati Uniti ha rivelato che la sua richiesta di obbligazioni è stata respinta perché Konstantin era in rischio di fuga, aggiungendo che le condizioni di rilascio suggerite dalla sua squadra non costituivano un'assicurazione finale che la vittima non sarebbe scappata.