L'Italia ha perso 10 miliardi di euro in criptovaluta tramite il crimine informatico

Apr 17, 2019 at 12:07 // News
Author
Coin Idol
Il paese ha subito una perdita di circa € 10 miliardi nel 2018.

La criminalità informatica, come la frode online, le attività sotto copertura industriale, l'uso della criptovaluta per il riciclaggio di denaro sporco (ML), ecc. In Italia, è il business malevolo in rapida crescita con i margini di diffusione più elevati in futuro, secondo il Global Risk Report 2019 di il Forum economico mondiale (WEF). Il paese ha subito una perdita di circa € 10 miliardi nel 2018.

In una conferenza a cui ha partecipato Gennaro Gigante, direttore della filiale di Catania della Banca d'Italia (BoI), ha dichiarato:

"Il crimine informatico è sempre il risultato di disattenzione individuale, sia dei singoli utenti sia delle realtà aziendali."   

Scenario fiscale su Criptovalute   

Secondo Antonello Biriaco, presidente di Confindustria, il danno subito dalle imprese in Italia, in particolare sui reati informatici, raggiunge i 9 milioni di euro. Dal 2017, il tasso di crescita della quantità di attacchi gravi è cresciuto di 10 volte rispetto a quello precedente, secondo il rapporto sulla sicurezza della Associazione italiana per la tecnologia dell'informazione (IT).   

"Nel 2018 ci sono stati almeno 10 attacchi di Business Email Compromise che hanno coinvolto aziende importanti, con un danno di oltre € 300.000, che abbiamo parzialmente recuperato", ha affermato La Bella.   

Nel tentativo di sviluppare un quadro normativo efficace che tuteli l'economia del paese, Giorgio Sangiorgio, presidente dell'Ordine dei contabili di Catania, ha dichiarato:   

"Lo scenario fiscale riguardante le criptovalute, in particolare i bitcoin, è ancora poco esplorato, contribuendo a confondere i limiti entro i quali agire e considerando che gran parte dei crimini supera i confini tra gli Stati". 

Cybersecurity nel mondo degli affari e del servizio clienti   

Un funzionario dell'Autorità per l'innovazione tecnologica italiana, noto come Vincenzo Lo Piccolo, ha proclamato l'incombente dono di un "Piano per l'IT" nella governance regionale. Inoltre, il capo delle relazioni di vigilanza istituzionale del BoI ha osservato che:   

"Abbiamo bisogno di riconsiderare la sicurezza informatica come valore per il business e il servizio clienti, rendendola parte integrante dello sviluppo di modelli di business più efficienti, efficaci e sostenibili".   

Tuttavia, il governo vuole anche iniziare a informare e istruire le sue persone, specialmente i giovani che sono percepiti come "nativi digitali", in modo che possano essere consapevoli dei rischi associati alle criptovalute come Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin e altri.   

"La sfida più grande per l'economia moderna è quella di poter coniugare l'esigenza di velocità con il traffico e la sicurezza", ha detto il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro. "La relazione in modo sinergico con i problemi dell'innovazione è la straordinaria capacità delle istituzioni della città dell'Etna". 

Il tasso di attività malevole come il riciclaggio di denaro sporco, il finanziamento del terrorismo, il traffico di droga e molti altri, attraverso Bitcoin, è in realtà la crescita più rapida in Italia e nel mondo in generale. Infatti, è stato scoperto che le mafie del paese usano le criptovalute per il riciclaggio di denaro sporco.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/italy-lost-cryptocurrency/

Show comments()