Tecnologia Blockchain che rende possibile la tracciabilità degli alimenti in Italia

Nov 26, 2019 at 10:27 // News
Author
Coin Idol
Blockchain in Italia

Un mondo in cui, con il tuo cellulare, comodamente seduto al tavolo, puoi sapere tutto in pochi secondi, davvero tutto, sulla tracciabilità di ciò che hai nel tuo piatto e nel tuo bicchiere, è qui. L'Italia sta supportando nuove tecnologie tra cui blockchain e tecnologia di registro distribuito (DLT) per trasformare l'industria alimentare.

Anche i dettagli originali del produttore, i numeri di lotto, le istruzioni di lavorazione, le date di scadenza, la conservazione, la data di spedizione ... Un mondo in cui, con pochi clic, è possibile risalire facilmente a quale tipo di uva è stata utilizzata per produrre il vino contenuto nella bottiglia che stai inserendo nel carrello.

Un mondo in cui hai applicazioni disponibili - API - che ti consente di personalizzare il servizio di consegna del prodotto a tuo piacimento. Un mondo, in breve, in cui ciò che acquisti e ciò che porti in tavola non ha più segreti per te. 100% sicurezza e trasparenza garantite!

L'innovazione 4.0 più rivoluzionaria

Il risultato è uno strumento rivoluzionario. Questa è la blockchain, la "catena di blocchi", che è lo strumento del registro pubblico che è la base del bitcoin. Innovation 4.0 che sta rinnovando il modus operandi di diverse aziende in tutto il mondo con effetti positivi su tutti gli attori della catena di distribuzione di prodotti e servizi, dal produttore al cliente finale.

Finora prerogativa del mondo della finanza, la DLT sta anche trasformando il settore agroalimentare in particolare. Secondo le stime internazionali dell'Organizzazione mondiale della sanità, infatti, ogni anno 60 milioni di persone si ammalano in tutto il mondo a causa del cibo non adatto agli standard di qualità.

Molte delle questioni gravi che incidono sulla sicurezza alimentare come la contaminazione, le malattie degli animali, la gestione dei rifiuti e il drenaggio fiscale dei richiami di merci corrotte si basano sul mancato accesso ai dati di tracciabilità degli alimenti. La DLT promette di essere la soluzione.

Grandi manovre per creare la blockchain

Sono state lanciate importanti manovre internazionali per stabilire una blockchain per la tracciabilità agroalimentare da un consorzio di aziende a cui si sono uniti una serie di partner come Driscoll, Golden State Foods, Kroger, McCormick, McLane, Tyson Foods e IBM. Pertanto, DLT è a sostegno dell'universo alimentare.

Basti pensare che giganti come Walmart, Nestlé, Unilever, Dole e Carrefour stanno conducendo esperimenti per integrare un nuovo modello di tracciabilità alimentare in grado di stabilire un modello quantitativo e qualitativo di dati condivisi lungo l'intera catena agroalimentare.

In particolare, Carrefour, che ha applicato per la prima volta in Francia e in Europa il modello per il pollo della catena di qualità dell'Alvernia Carrefour: un bene agricolo, allevato all'aperto e coperto da IGP, che determina un fatturato di 1 milione di capi all'anno . I prodotti alimentari che vengono tracciati utilizzando blockchain includono anche pomodori, arance, uova, formaggi, hamburger e salmone.

La tracciabilità agroalimentare non ha più segreti

Qual è l'importanza rivoluzionaria della tecnologia blockchain? Aumenta la sicurezza, la velocità e la riservatezza dei dati nel corso della catena di approvvigionamento. Gli analisti di Cb Insight hanno sottolineato che la rivoluzione blockchain potrebbe trasformare radicalmente l'industria alimentare globale.

Inoltre, secondo uno studio dell'Oklahoma State University, i vantaggi economici dell'utilizzo della blockchain nel settore dell'allevamento porterebbero a risparmi fino all'80% sui sistemi di tracciabilità.una soluzione blockchain Wine.

Infine, un recente studio del Food Marketing Institute ha mostrato che il 44% dei consumatori richiede informazioni dettagliate sui metodi di produzione degli alimenti acquistati; circa il 43% desidera sapere come sono stati trattati i prodotti, siano essi biologici, OGM o senza conservanti.

Tuttavia, il 75% non si fida di ciò che è riportato sulle etichette. In questo caso la tecnologia blockchain consentirebbe agli utenti di tracciare tutte le fasi della catena di approvvigionamento contemporaneamente e in tempo reale.

Il Made in Italy non sarà più contraffatto

Il Made in Italy vuole essere all'avanguardia di questa rivoluzione nella tracciabilità alimentare che promette una protezione di qualità. Maggiore protezione contro la frode e i prodotti contraffatti, nonché una drastica riduzione dei costi amministrativi e di infrastruttura.

Infatti, Barilla ha iniziato la traccia del basilico per salse pronte, mentre il Bacio Perugina utilizza la blockchain per evitare il rischio di contraffazioni. Allo stesso modo, l'Italia Carrefour e Coop. Il gruppo italiano del vino ha anche avviato un progetto di tracciabilità, mentre EY Italia ha studiato una soluzione blockchain Wine.

Show comments()