Le transazioni sospette di criptovaluta in Italia sono aumentate del 140%

Jul 02, 2019 at 12:18 // News
Author
Coin Idol
La segnalazione di transazioni sospette riguarda principalmente transazioni per l'acquisto o la vendita di valute digitali.

Il rapporto della Financial Intelligence Unit (UIF) della Banca centrale d'Italia, mostra che le azioni di riciclaggio su Bitcoin, Ether, Ripple e altre principali criptovalute è in crescita. La relazione si è concentrata principalmente sulle transazioni sospette effettuate tra il 2017 e il 2018 e ha scoperto che sono aumentate di circa 208-499, il 140% in termini percentuali. La segnalazione di transazioni sospette riguarda principalmente transazioni per l'acquisto o la vendita di valute digitali.

Secondo i movimenti delle transazioni, c'è un trend crescente nel tempo dal 2013 al 2018, ad esempio, nel 2013 sono state registrate solo 2 transazioni sospette, nel 2014 solo 13, nel 2015 c'erano solo 52, nel 2016 c'erano 124, nel 2017 sono aumentate a 208 e l'anno scorso erano 98,03. Questo dimostra un trend in crescita positivo, e questo ha stimolato l'UIF e altri intermediari finanziari a esaminare questi problemi.

Da gennaio 2013 a dicembre 2018, oltre 895 segnalazioni relative a sospetti prestiti di criptovaluta sono state inoltrate direttamente all'UIF. Di cui oltre ½ di essi sono arrivati nel 2018. Un ampio spettro di relazioni - circa il 95% - sono state inviate da istituti bancari e uffici postali, mentre altre provenivano da istituti di pagamento e da emittenti di criptovalute più altre forme di moneta elettronica.

Lotta alle attività illegali associate alla criptovaluta

Con un annuncio del 28 maggio 2019, l'UIF ha rivelato che la crescente diffusione di criptovalute, il rischio di uso distorto di questi strumenti e l'evoluzione del contesto normativo portano la Banca d'Italia a rinnovare la richiesta (...) di prestare il massimo attenzione nell'individuare operazioni sospette connesse a risorse digitali. Tuttavia, dallo scorso anno, il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha esaminato gli operatori del settore che, quando pienamente operativi, dovranno registrarsi in un apposito registro tenuto dall'Organismo degli agenti e mediatori (OAM), per svolgere l'attività in Italia.

La maggior parte delle volte, i sospetti testimoniati riguardano l'approccio alla creazione dei fondi utilizzati nelle criptovalute o la connessione di operazioni con attività malevole, tra cui truffe, attacchi informatici e frodi informatiche. Tra i 898 casi segnalati, c'erano 15 legati al finanziamento del terrorismo utilizzando criptovalute, tra cui Bitcoin, Ether, Ripple e altri.

Durante l'incontro del 23 maggio a Bucarest, la capitale della Romania, l'organizzazione europea per la lotta alla criminalità, Europol, ha ribadito i rischi legati alle transazioni in valuta digitale. L'organizzazione è andata avanti pubblicando un rapporto che metteva in guardia il pubblico sull'evoluzione dei riciclatori di denaro, sostenendo che utilizzano risorse digitali per condurre le proprie attività. Ha inoltre osservato che le attività illecite sono supportate da nuovi sviluppi come gli exchange decentralizzati di criptovalute che consentono ai soggetti malintenzionati di effettuare transazioni senza il consenso del cliente.