I rischi dell'utilizzo della Blockchain nelle piccole e medie imprese

May 28, 2019 at 12:15 // News
Author
Coin Idol
Le piccole e medie imprese (PMI) sono aziende le cui dimensioni rientrano in determinati limiti professionali e finanziari prestabiliti.

Molte PMI in Italia e in altre parti del mondo usano Bitcoin, criptovalute, tecnologia blockchain e altre importanti novità nelle loro operazioni quotidiane. Le piccole e medie imprese (PMI) sono aziende le cui dimensioni rientrano in determinati limiti professionali e finanziari prestabiliti.

La tecnologia blockchain è considerata da molte persone, per essere una delle reti sicure, tuttavia, secondo lo studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università Politecnica di Hong Kong, dell'Università di Scienza Elettronica e tecnologia della Cina e dell'Università di Pechino, la tecnologia continua ha alcuni vuoti e vulnerabilità che gli utenti devono conoscere.   

Il gruppo di ricercatori senior ha evidenziato i principali fattori di rischio popolari associati alla tecnologia blockchain che include: efficienza tecnologica blockchain; 51% di vulnerabilità; sicurezza della chiave privata; attività criminale compresa la criminalità informatica; double-spending; perdita della privacy delle transazioni; suscettibilità nei contratti intelligenti; contratti intelligenti sottostimati; attività e operazioni sottovalutate.   

Le PMI sono solitamente caratterizzate da una gestione di tipo familiare, in cui il fondatore è anche il proprietario della maggior parte delle quote della società, e il direttore amministrativo, affiancato da altri membri dell'unità familiare, di solito senza uno sfondo e formazione che soddisfa il ruolo assegnato. Rispetto alle startup, le piccole e medie imprese producono regolarmente documenti contabili.

Le forme del finanziamento aziendale

Le banche  tendono a prestare denaro a società consolidate, con flussi di cassa storici stabili e positivi, soprattutto se sono in grado di fornire garanzie personali. Queste caratteristiche sono generalmente assenti nelle startup. Pertanto, lo stato di avvio è per definizione passeggero, una fase di test per trovare gli elementi della strategia vincente per conquistare il mercato ed espandersi su larga scala.   

Tuttavia, le caratteristiche di una startup blockchain sono chiaramente di natura temporanea, poiché lo stato di avvio è iniziale e transitorio, il metodo di prova ed errore, ovvero la sperimentazione del modello di business e della strategia ottimale, e infine il modello di business che deve essere scalabile e ripetibile o deve consentire una crescita su larga scala.   

Pertanto, le startup che si occupano della tecnologia blockchain di solito hanno un tasso di rischio molto alto perché ci sono così tante variabili che influenzano il business e diversi scenari che possono sorgere. Queste imprese sono caratterizzate, quindi, da un basso tasso di sopravvivenza; al contrario, possono portare a un livello estremamente alto di guadagni se hanno successo.   

L'offerta iniziale di monete   

L'Initial Coin Offering (ICO) è ora estesa nel settore delle criptovalute e della tecnologia Blockchain, e si stima che nel solo 2017 siano stati raccolti circa 1,25 miliardi di dollari, cifra che è stata superata nel 2018.   

In effetti, l'ICO è stato utilizzato come forma di finanziamento, in particolare da individui che intendono realizzare un progetto specifico, piccole e medie imprese e start-up, poiché è uno dei metodi più veloci nel panorama finanziario e non richiede la presentazione di alcun documento per dimostrare l'affidabilità dell'azienda. Ma questo trapianta un problema delicato sulle ipotesi, in verità non raro dell'iniziativa fallita, in quanto, in questo caso, gli investitori sono gli unici a perdere.   

Sebbene sia chiaro che ogni offerta iniziale di monete può avere le sue peculiari caratteristiche tecniche e giuridiche. L'incertezza giuridica e la mancanza di informazioni rilevate in alcune ICO determinano un alto rischio per gli investitori che, quando l'offerta di investimento riguarda contratti simili a strumenti finanziari, sono privati ​​delle garanzie normalmente fornite nel caso di prodotti acquistati su mercati regolamentati.   

Token digitali come strumenti finanziari?   

L'incertezza connessa con la vendita e la negoziazione di token digitali consiste fondamentalmente nel fatto che gli investitori generalmente non acquisiscono alcun diritto sulle operazioni dell'emittente o verso la società emittente, in conseguenza di ciò, in definitiva, l'attenzione deve essere posta sui diritti che il possesso degli attributi del token. In particolare, i token rilasciati in occasione di un ICO possono essere suddivisi in modo astratto in criptovaluta (moneta), token di utilità e token di sicurezza.   

La corretta identificazione del tipo di token digitali soggetti all'emissione di ICO è fondamentale per identificare la legislazione applicabile al caso in questione. In particolare, nel caso di pre-vendita, potrebbe esserci il rischio che i pagamenti possano essere considerati depositi bancari o, anche come titoli.   

L'assenza di chiarezza, i diritti commercializzati e scambiati possono, di volta in volta e in base a come viene configurato il token digitale, essere assimilati alla valuta, o al modo di gestire i depositi bancari o allo stesso modo delle azioni, obbligazioni, prodotti derivati, unità di organismi di risparmio collettivo di investimento o, più in generale, di prodotti o strumenti finanziari, ecc. e ciò senza considerare che il problema e la gestione del token criptovaluta e del token di sicurezza sarebbero soggetti alla legislazione sul riciclaggio di denaro.   

Il caso italiano   

In Italia, la Consob ha prodotto un documento che mira a lanciare un dibattito a livello nazionale sul tema delle offerte iniziali e degli scambi di cripto-attività. Il documento prevede una consultazione pubblica con le categorie di soggetti potenzialmente interessati, quali proprietari, promotori, emittenti, gestori di sedi di negoziazione, gestori di portali crowdfunding, associazioni di categoria del settore finanziario, autorità e molti altri.   

È evidente, sottolinea, che in molti casi la qualifica di token come prodotti finanziari dipenderà dalla possibilità di inquadrarli nella categoria residuale degli investimenti finanziari. Evidentemente, la qualifica di un ICO come "offerta pubblica di prodotti finanziari" determina anche l'applicazione al pegno delle disposizioni sui "servizi e attività di investimento", delle disposizioni sulla "gestione collettiva di beni" e l'obbligo di autorizzazione per piattaforme di trading dedicate alla criptovaluta.   

Ovviamente tutti gli aspetti che, comunque, rischiano di mettere l'Italia troppo lontana dal cuore della discussione prestabilita, che mira a fornire uno sguardo sui modi in cui viene affrontata la raccolta di nuovi media. Ma, in effetti, molti cittadini sanno bene che la blockchain, essendo una tecnologia astratta applicabile a qualsiasi operazione che richiede la documentazione certa e immutabile dei passaggi di proprietà dei beni, è un fenomeno di portata molto più ampia di quello del problema dei soli token , forse collegato a valute digitali.   

Stai attento con la Blockchain   

In generale, se vuoi capire facilmente i problemi della blockchain, guarda solo i limiti di Bitcoin. Tuttavia, non è vero che i problemi di Bitcoin si applicano a tutte le versioni di blockchain, anche se la rete condivide i confini filosofici simili. Ma c'è qualche speranza che si creerà una blockchain più forte che resista ai problemi del Bitcoin. Altre questioni evidenti includono: la decentralizzazione è troppo costosa e difficile da garantire; la blockchain privata è solo un database con firme crittografiche; è anche molto difficile gestire l'identità; le identità perdute sono un problema complesso; i meccanismi sistematici di disputa non funzionano; dare un'autorità umana per fissare una blockchain risolve lo scopo; e blockchain non è così resistente come la gente si aspetta.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/risks-using-blockchain/