Il Quantum Computer è una minaccia per la Blockchain?

Oct 24, 2019 at 11:21 // News
Author
Coin Idol
Quantum computer vs. Blockchain

La caratteristica principale della tecnologia blockchain e dei registri distribuiti (DLT) è che la sua configurazione consente di garantire che i dati contenuti non siano soggetti a manomissioni di terze parti, avendo un sistema chiave che consente una sicurezza quasi infrangibile. 

Fin dalla sua istituzione, soprattutto le blockchain principali e distribuite hanno dimostrato la loro immutabilità. Ma ora la domanda più grande è se i computer quantistici (QC) potrebbero cambiare tutto questo nel prossimo futuro.

Questa infrastruttura funziona se non entra in gioco un potere che può temere un incantesimo come la forza fisica, che potrebbe interrompere l'accesso e quindi assumere le risorse finanziarie. Finora non sono mai esistite tecnologie analoghe, ma ora lo status quo è totalmente diverso.

Tecnologia di contabilità distribuita vs computer quantistico

L'introduzione dei primi computer quantistici la richiesta si è rivelata più pertinente nell'ambiente di crittografia, poiché si ritiene che questi computer potrebbero prima o poi portare numerosi ostacoli al DLT e ad altre criptovalute.

In breve, vediamo cos'è un QC e come funziona effettivamente. Diversamente dai computer tradizionali, i controlli di qualità elaborano gli ordini di bit 1 e 0 e hanno la capacità di lavorare simultaneamente con due diverse informazioni durante l'utilizzo di bit quantici (qubit).

In pratica, i Qubit invece di Bit consentono di eseguire diversi calcoli separatamente anziché in successione. Ma ciò non influirebbe sul mining.

In realtà, Bitcoin, la criptovaluta originale, è stata in qualche modo considerata come quantistica resistente: un computer quantistico non è riuscito a hackerare o rintracciare la chiave privata per l'indirizzo bitcoin a partire dallo stesso a causa del fatto che è un hash e quindi non è stato possibile risalire alla fonte iniziale.

Questo è il caso dei Bitcoin. Ma che dire di altre criptovalute?

La maggior parte della criptovaluta, deriva dal codice sorgente Bitcoin (BTC) e con gli aggiornamenti applicabili può trasformarsi in complicazioni quantistiche.

Ad esempio, nel 2015 Ethereum, la seconda criptovaluta mondiale per capitalizzazione di mercato aveva già considerato la questione usando le firme di Lamport; lo stesso vale per l'ottava risorsa digitale per capitalizzazione di mercato EOS, il cui CTO, Daniel Larimer, ha rivelato che è sufficiente aggiornare il protocollo per aggirare i problemi.

Ci sono blockchain e criptovaluta che sono post Quantum?

Qui, la risposta è un grande sì, perché alcuni usano una disposizione diversa di firme e hash.

Ad esempio, IOTA, che è una criptovaluta basata su Directed Acyclic Graph (DAG), ha un accordo di firma monouso, Winternitz, al posto della firma della curva ellittica; Nexus (NXS), perché utilizza una password a 571 bit e utilizza gli algoritmi a 1024 bit (Skein e Keccak) per l'hash; e Quantum Resistant Ledger (QRL), che applica Lamport-Diffie, Winternitz e (XMSS).

In generale, i controlli di qualità non sono ancora efficaci e capaci, non solo attualmente, ma probabilmente nei prossimi anni, di offuscare la robustezza di blockchain e cripte. In effetti, anche se il supercomputer di Google ha raggiunto circa 53 qubit, questi standard e valori non sono i meno adeguati per avviare tale processo.

Show comments()