Proprietà e limiti della adozione blockchain su larga scala in Italia

Feb 03, 2019 at 14:51 // News
Author
Coin Idol
L'uso di criptovalute come Bitcoin, Ethereum (ETH), Ripple (XRP) e della tecnologia blockchain continuano a guadagnare enorme slancio e adozione.

Giorno dopo giorno, l'uso di criptovalute come Bitcoin, Ethereum (ETH), Ripple (XRP) e della tecnologia blockchain continuano a guadagnare enorme slancio e adozione.

L'Assistant Professor di Computer Science dell'Università di Stirling, Regno Unito, affiliata anche al Center for Distributed Ledger Technologies, University College London, noto come Andrea Bracelets, ha definito e dato più luce su questa grande tecnologia:

"Una blockchain consente alle entità indipendenti, agli individui, alle imprese, alle pubbliche amministrazioni di concordare il valore di una determinata informazione. Le informazioni sono organizzate in una catena (catena) di blocchi di dati (blocco) e ciascun partecipante può memorizzare una copia identica della blockchain. L'innovazione sta nel fatto che il sistema è decentralizzato: nessuno ha una posizione dominante nel controllo delle informazioni, la cui integrità è garantita dalla maggioranza (onesta!) dei partecipanti (e dalle firme crittografiche) ".

La tecnologia blockchain consente l'interazione tra utenti con interessi contraddittori effettivi, garantisce il requisito per le autorità centrali per garantire che i broker assumano il rischio di coinvolgimento e di controversie, in ambienti aperti all'involuzione, e robusti e forti contro la presenza di utenti malevoli.

Conflitto d’interessi

Detto questo, gli utenti non controllano che le risorse di massa siano disoneste. La fiducia nel sistema non è solo sviluppata dalle tradizionali istituzioni centralizzate, ma anche dal giusto e appropriato design della tecnologia.
Secondo il professor Andrea ci sono diversi problemi aperti che limitano l'adozione su larga scala delle tecnologie blockchain nel mondo.

Bitcoin (BTC), ad esempio, è progettato in modo da essere molto sicuro all'interno dell'ambiente. Per questo motivo, l'attuale limitata efficienza della blockchain BTC relativa alle transazioni al secondo è un problema riconosciuto. Sono state suggerite molte soluzioni per risolvere questo problema, incluso il passaggio ad un proof-of-stake altamente efficiente, espandendo la dimensione del blocco o l'applicazione di canali secondari. Ethereum sta già prendendo in considerazione l'uso di questo sistema.

Tuttavia, BTC stesso presenta importanti problemi di centralizzazione: il supporto del pooling, la rapidità dell'efficienza computazionale ha comportato costi di gestione sostanziali, ovvero l'assemblaggio delle risorse di calcolo. Attualmente diversi blocchi sono prodotti da un numero minore (3-5) di players. Una concentrazione che gli utenti considerano pericolosamente molto vicina a quella di un sistema centralizzato.

A destare l'attenzione sono gli ultimi suggerimenti della terza generazione, che includono Cardano, Quorum, Algorand, Tezos e molti altri, basati sulla dimostrazione dell'innovazione, di cui molti sono i cambiamenti della dimostrazione di interessi.

Queste tecnologie blockchain adottano nuovi modelli economici efficaci che aumentano in modo significativo la quota di proprietà e la governance del design. Diverse proposte della terza generazione sono attualmente in fase di test o in fase iniziale di sviluppo. Si prevede che la maggior parte di queste proposte partirà in una solida competizione di mercato che sarà lanciata nel 2019.

L'Italia fa bene sull'iniziativa

Ciononostante, alcuni paesi hanno adottato un approccio più curativo, ad esempio controllando o vietando l'ultima conversione di cryptovaluta in contanti. E altri paesi che hanno riconosciuto la capacità dell'innovazione della suddetta tecnologia, hanno iniziato a sviluppare importanti iniziative per regolamentare e sostenere il suo sviluppo, in un contesto di interesse significativo e afflusso di cospicui investimenti di capitale. L'UE ha diversi programmi di ricerca e studio nel campo delle valute digitali e della tecnologia blockchain.

A settembre dello scorso anno, il Parlamento europeo ha adottato una grande risoluzione denominata "Tecnologie di log e blockchain distribuiti: costruire la fiducia attraverso la disintermediazione". L'Italia è uno dei firmatari dell'UE che hanno mostrato un interesse crescente e investimenti nella tecnologia nascente.

La tecnologia Blockchain è stata introdotta in varie università italiane come l'Università di Milano-Bicocca per essere accuratamente studiata e approfondita dal mondo accademico, come rivelato da Coinidol. Il governo italiano istituì anche un comitato di 30 membri per approfondire una strategia nazionale di tecnologia blockchain e intelligenza artificiale.