Problema di ereditarietà da criptovalute da risolvere in Italia

Feb 17, 2019 at 09:53 // News
Author
Coin Idol
A causa della decentralizzazione  e dell'immutabilità della blockchain, è difficile accedere al portafoglio crypto nel caso in cui il proprietario deceda. Ci sono però diverse aziende che offrono soluzioni.

L'Italia è aperta all'adozione di innovazioni e criptovalute, con caratteristiche di sicurezza e grazie alla sua natura decentralizzata. In effetti, l'unico modo per accedere ai fondi  è possedere una chiave privata alfanumerica.

Tuttavia, anche una soluzione così sicura ha il suo lato oscuro della medaglia. È impossibile ottenere diritti di accesso ai fondi di criptovaluta nel caso in cui il loro proprietario sia morto. Non esiste un'istituzione che possa regolare i diritti di successione in quanto la rete di blockchain, che è la base di ogni cripto, è decentralizzata e immutabile.

Persi e andati via per sempre

Nel 2018, un valore di $ 1.000.000.000 di XRP di Ripple è stato completamente perso quando il proprietario è stato dichiarato morto. Questo investitore era l'unica persona a possedere la chiave privata del portafoglio contenente i suddetti soldi virtuali. I suoi eredi non sono ancora in grado di individuare queste chiavi private o accedere ai fondi.

Un altro caso importante è accaduto con QuadrigaCX, una borsa canadese i cui fondi sono stati persi a causa della morte del suo fondatore che non si è mai preoccupato di garantire che le chiavi private dei cold wallet fossero effettivamente date a un altro individuo dopo la sua morte.

Alcuni rapporti affermano che circa lo 0,7% dei titolari di cripto muore ogni anno. Se non hanno disposto il trasferimento dei diritti ereditari ai loro eredi legali, i fondi sono persi per sempre, poiché non vi è alcun modo in cui i sistemi di blockchain rivelino le chiavi a qualcuno che non sia il titolare originale.

Alla ricerca di una soluzione

Gli utenti di criptovaluta sono alla ricerca di servizi che possano garantire una soluzione sicura e trasparente a questo problema. Ci sono diverse società e sviluppatori basati su Blockchain che sostengono che possono garantire che le chiavi private dei portafogli siano correttamente consegnate agli eredi nominati dopo la morte. Quel tipo di servizi è chiamato servizio di custodia Cryptocurrency.

Vale a dire, con il servizio di Custodia di criptovaluta verranno memorizzate in modo sicuro le chiavi private degli utenti fino al momento in cui vengono riscattate in base all'incidenza di una certa anche indicata nel contratto, anche se non sono essenzialmente legate a un decesso, ad esempio se un utente deve semplicemente garantire che il passaggio e la consegna avvengano in modo sicuro e corretto.

Servizi che consentono agli utenti di trasferire i portafogli crypto a eredi designati

Un team di sviluppatori italiani ha recentemente annunciato il suo piano per offrire una soluzione a questo problema. L'avvio di Crypto360 ha implementato un nuovo servizio di custodia e criptovaluta off-chain per gli utenti, particolarmente utile in caso di morte, ma anche doni e donazioni in occasione di matrimoni, cerimonie di laurea o compleanni, in particolare di età superiore a 18 anni, riporta Cryptominando.

Secondo il white paper e dalle notizie sul loro sito ufficiale, la piattaforma sarà completamente attiva da martedì 5 marzo 2019.

Un servizio simile è già offerto da DigiTrust, una piattaforma di Singapore. La piattaforma aiuta le persone a organizzare facilmente le proprie volontà, consentendo agli utenti di prepararsi a qualsiasi tipo di circostanza, dalla disabilità alla morte. Le risorse digitali possono essere trasferite a qualsiasi erede indicato sulla piattaforma DigiTrust nel caso in cui soddisfino i criteri impostati.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:   https://coinidol.com/cryptocurrency-inheritance-problem/

Show comments()