La polizia di Genova indaga su perdite di € 30.000 dovute a frodi in criptovaluta

Aug 27, 2019 at 11:31 // News
Author
Coin Idol
Con l'ispettore che si è occupato della denuncia, ha spiegato che il commerciante aveva acquistato Bitcoin per 30 mila euro da un commerciante autodidatta che l'ha contattata sul suo cellulare.

Un commerciante a Genova, in Italia, ha acquistato criptovaluta falsa e ha perso oltre € 30.000. La denuncia è stata presentata presso gli uffici della polizia postale. Con l'ispettore che si è occupato della denuncia, ha spiegato che il commerciante aveva acquistato Bitcoin per 30 mila euro da un commerciante autodidatta che l'ha contattata sul suo cellulare.

L'acquirente ha dichiarato di aver chiuso la transazione dopo aver controllato il sito broker, su cui le è stato detto di fare affidamento per la transazione, che le è sembrato affidabile. Ma dopo un po 'l'acquirente si è reso conto che era tutta una truffa: il commerciante è scomparso e la piattaforma non l'ha riconosciuta come utente.

Il caso della donna, una cinquantenne, una commerciante, è emblematica. E ha messo sotto gli occhi degli investigatori un fenomeno che sembra non aver ancora messo radici nella città: le truffe nelle acquisizioni di criptovaluta.

Aumento delle truffe in criptovaluta

Le lamentele a Genova sono in costante aumento. In alcuni anni fa, i reclami erano quasi nulli e di dimensioni modeste, secondo un investigatore, ma ora si occupano di dozzine di reclami relativi a frodi. Ad esempio, l'Unità antitrust speciale di Verona sta ancora conducendo un'indagine sullo scandalo delle criptovalute OneCoin che ha lasciato molti italiani in gravi perdite.

Le persone sono normalmente attratte dalle grandi fluttuazioni che il prezzo delle criptovalute ha sul mercato, in particolare da Bitcoin che è arrivato a costare anche 20.000 volte il suo valore iniziale. In breve, c'è la possibilità di guadagnare molti soldi e i truffatori si affidano alle speranze dei risparmiatori o dei possessori di risorse digitali.

Normalmente contattano potenziali clienti, che nel frattempo hanno già profilato acquisendo i loro dati su Internet e offrono loro criptovaluta a prezzi più bassi. Li avvicinano ai telefoni cellulari o creando annunci sui social network che non sono altro che specchi per allodole.

La polizia postale diretta dal commissario Danilo Bisio, sta cercando di rintracciare l'autore della truffa con l'aiuto di un team di ingegneri e tecnici che scava nella rete oscura per trovare le tracce lasciate dagli hacker. Tuttavia, è tutt'altro che semplice, anzi i casi che coinvolgono truffe attraverso transazioni di acquisto criptato false sono difficili da risolvere. Tuttavia, nel frattempo, gli italiani possono utilizzare alcuni di questi modi in cui Coinidol ha segnalato in precedenza per sfuggire alle criptovalute e alle truffe blockchain.

Show comments()