Il Mining di Bitcoin Consuma l' 1% dell'Energia Globale Rivela il rapporto

Jun 16, 2019 at 08:12 // News
Author
Coin Idol
Sulle blockchain pubbliche, il mining comprende il calcolo di una quantità massiccia di calcoli matematici noti come hash.

Il comitato del Senato americano sull'energia e le risorse naturali ha pubblicato un documento in cui si afferma che l'estrazione mineraria consuma circa l'1% dell'energia globale. Sulle blockchain pubbliche, il mining comprende il calcolo di una quantità massiccia di calcoli matematici noti come hash. In un giorno normale, i minatori Bitcoin calcolano collettivamente oltre 50 miliardi di gigahash al secondo.

È necessaria una grande quantità di energia per far funzionare i dispositivi informatici e per raffreddarli in modo che siano mantenuti entro i limiti di temperatura operativa. Un metodo accettato per ricavare una stima del consumo di energia è di supporre che tutti i minatori utilizzino il dispositivo più efficiente disponibile sul mercato.

L'estrazione di criptovaluta è ad alto consumo energetico

Il calcolo della potenza necessaria per calcolare 50 miliardi di gigahash ha raggiunto un valore stimato di circa 5 gigawatt di BTC in miniera in un solo giorno, che è appena inferiore all'1% dell'intera produzione mondiale di elettricità, o appena superiore al consumo di elettricità del stati di New York o Ohio negli Stati Uniti. 

Un sacco di minatori di criptovalute entreranno in questo mercato in gran numero poiché è redditizio per il mio, quindi, se in futuro diventerà meno redditizio, si ritireranno automaticamente da soli. Generalmente, la generazione di criptovaluta è in qualche misura un gioco a somma zero, poiché il reddito totale guadagnato per una determinata unità di tempo da una particolare risorsa digitale, diciamo Bitcoin, è fisso. Ad esempio, Bitcoin, è quasi 12 - 13 BTC per 10 minuti (600 secondi). 

Oltre a questi ricavi, i minatori di criptovaluta non possono evitare alcuni costi come quelli dell'elettricità, dell'hardware, delle quote di partecipazione e di altri esborsi di data center funzionanti. I costi energetici sono una considerevole frazione dei costi totali, vale a dire che la variabile focale nel calcolo che regola il consumo energetico dell'estrazione di valuta digitale in equilibrio non è altro che il tasso di cambio esistente tra la valuta digitale e la valuta fiat come il dollaro. 

L'anno scorso, gli sviluppatori di Ethereum, hanno annunciato un piano per il passaggio di Ether a un modello più efficace privo di risorse di mining. Ciononostante, altri sviluppatori di criptovalute e l'ecosistema dietro Bitcoin, la criptovaluta originale, hanno respinto intensamente i grandi cambiamenti al suo design. 

Mantieni l'ambiente pulito

Le considerazioni sui costi hanno l'abitudine di governare la distribuzione geografica delle operazioni: i bassi costi dell'elettricità e le temperature più fredde sono molto allettanti per la generazione di criptovaluta. Altri fattori come incentivi politici e disincentivi come le tasse contribuiscono anche al successo o al fallimento. 

La comunità di ambientalisti è preoccupata in quanto potrebbe danneggiare la natura. Una ricerca ha dimostrato che l'estrazione di criptovalute è molto più intensiva di energia rispetto a quella ordinaria. L'estrazione di criptovalute richiede molta energia rispetto a quando si stanno scavando minerali preziosi come oro, diamanti, cobalto e molti altri metalli preziosi. Negli ultimi tre anni, gli ambientalisti tra cui Max Krause di Oak Ridge Institute for Science & Education, hanno scoperto che la quantità di elettricità richiesta durante l'attività mineraria di Bitcoin era superiore a quella della Danimarca. 

Questo è il motivo per cui vari minatori sono alla ricerca di metodi efficaci per renderlo più efficiente dal punto di vista ambientale. Meccanismi più sostenibili come l'energia solare sono stati pensati per avere un impatto positivo in questo settore, dato che è una fonte rinnovabile di energia e rispettosa dell'ambiente - contribuirà a portare un'energia economicamente non inquinata per l'estrazione. Persino, alcune aziende come Intel sono venute per unirsi a tutte le parti interessate a proteggere sia la fauna che la flora. Con il suo nuovo brevetto, Intel sta lavorando per sviluppare un sistema che si occuperà di un elevato utilizzo di elettricità durante l'attività mineraria di Bitcoin e altre principali criptovalute.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/bitcoin-mining-consumes/

Show comments(0 comments)