Italia: la Criptovaluta impone 4 tipi di rischi per la comunità

Jun 04, 2019 at 10:29 // News
Author
Coin Idol
Le autorità giudiziarie hanno registrato denunce in crescita relative all'uso illecito di valute digitali.

La Criptovaluta comporta quattro principali tipi di rischi, vale a dire, finanziario, monetario, penale e con le forze dell'ordine, secondo il rapporto della Guardia di Finanza (Gdf). Le tecniche sono in qualche modo sofisticate e variabili. Le autorità giudiziarie hanno registrato denunce in crescita relative all'uso illecito di valute digitali.

L'unità di informazione finanziaria (UIF) della Banca d'Italia ha indicato che la tecnologia non è neutrale, anche se comporta alcuni vantaggi e che in alcune condizioni e sotto alcune garanzie, criptovalute e blockchain sono diventate un'opportunità importante per molti investitori italiani.

Sono quattro i tipi di rischi, ognuno con le proprie implicazioni: il contrasto con le valute digitali illegali, ad esempio, affronta "l'anonimato, la localizzazione, la registrazione e la ricostruzione" di processi indefinibili o quasi remoti.

Sono possibili anche le bolle speculative

Mentre il rischio illecito viene declinato nell'uso della criptovaluta per finanziare e sostenere frodi, droghe, mercato nero, riciclaggio e terrorismo, sono possibili anche bolle ipotetiche. E, naturalmente, l'Italia sicuramente non può combattere da sola: la valutazione del rischio deve essere di natura internazionale, mette in evidenza l'analisi della finanza. Ai cittadini si consiglia di conoscere le insidie ​​e le opportunità delle criptovalute, tutti i cittadini italiani hanno il ruolo da svolgere per intrecciare una diagnosi in una chiave prognostica per la protezione del sistema a livello strategico.  

Le Criptovalute potrebbe essere un sistema per accedere ai finanziamenti per coloro che non avrebbero altri modi possibili. Ma ci sono due modi alternativi: una criptovaluta auto-creata e transazioni affidate a un server. Con il rischio di amministratori di server ingannevoli, utenti che mal utilizzano gli errori di autenticazione, attacchi informatici che svuotano il server. Al contrario, affidandosi alla garanzia blockchain, all'identità digitale dell'autore e al cambio  di contenuti.

Il sistema giudiziario è preoccupato per le criptovalute

Ora gli utenti hanno familiarità con un sistema centralizzato mentre la valuta digitale è decentralizzata: esiste nella rete, quindi i governi e le banche (autorità centrali) non hanno alcun controllo su di essa. Vengono quindi calcolati con oscurità in quanto la cripto è costituita da un insieme di caratteri e non è collegata a nessun dato personale del proprietario. Pertanto, vi è un uso latente per scopi illegali e le valute digitali, rispetto alle valute legali, sono meno soggette a confische e sequestri da parte della polizia.

Un sistema che "si presta male alla regolamentazione" allarga le prospettive: I crimini IT crescono in modo sproporzionato, le denunce presentate alla Polizia Postale lo scorso anno sono aumentate del 318% rispetto a quelle del 2017. Sicurezza e protezione dei dati non sempre esistono insieme: le aziende in Italia investono meno in sicurezza digitale (circa l'1,5% del fatturato) e acquistano regolarmente prodotti economici ma, per questo, rischiosi.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/italy-cryptocurrency-risk/