Il laboratorio di ricerca di IKEA applica la blockchain nei progetti di energia rinnovabile

Mar 12, 2019 at 15:21 // News
Author
Coin Idol
Il progetto utilizza pannelli solari e blockchain per realizzare un sistema energetico operativo attraverso un sistema commerciale a kilometro zero.

Il laboratorio di ricerca Space10 del colosso di mobili di Copenhagen IKEA ha creato con successo un piccolo villaggio in legno per mostrare in che modo le comunità potrebbero creare il proprio sistema circolare di energia pulita. Il progetto utilizza pannelli solari e blockchain per realizzare un sistema energetico operativo attraverso un sistema commerciale a kilometro zero.

Bas Van De Poel, direttore creativo di SPACE10, ha dichiarato:   

"I sistemi energetici centralizzati sono spesso troppo lenti ed economicamente inadeguati per raggiungere il miliardo di persone che rimangono bloccate nella povertà energetica".

Continua dicendo che:   

"SolarVille mostra che, quando funzionano in tandem, tecnologie come pannelli solari, micro-griglie e tecnologia blockchain aprono nuove opportunità: sistemi off-grid che consentono alle persone di scavalcare il sistema di elettricità tradizionale della rete".   

Progetto SolarVille   

Lo studio Space10 e Architecture SachsNottveit ha sviluppato l'idea insieme agli esperti di tecnologia blockchain BLOC, WeMoveIdeas e Blocktech, che avrebbero consentito alle città in miniatura di creare e condividere le proprie energie rinnovabili a basso costo.   

Il sistema è un prototipo funzionale di un villaggio noto come SolarVille, costruito in scala 1:50. Comprende una vasta gamma di piccole case in legno che sono irradiate da una lampada pendula per emulare il sole.   

"Il nostro approccio progettuale è stato quello di trasformare un progetto tecnico molto complesso in qualcosa di familiare, amichevole e giocoso", ha rivelato il co-fondatore di SachsNottveit Anders Nottveit.   

L'idea vede le famiglie produrre la propria energia rinnovabile con l'aiuto di pannelli solari, l'eccesso di elettricità prodotta può essere acquistato da altre case all'interno della comunità direttamente dal generatore di energia utilizzando blockchain.   

Mira a dare accesso libero e completo alle energie rinnovabili avviando micro-reti cooperative in diverse comunità di villaggi in miniatura.   

"SolarVille è un concetto determinato ma pienamente realizzabile per il futuro", ha osservato Space10." [È] il potere per le persone nella sua forma più pulita. Le persone acquistano energia rinnovabile dalla propria comunità, il che implica che i soldi rimangano nella loro comunità".   

L'energia solare è competitiva in termini di costi   

Space10 e SachsNottveit hanno deciso di costruire il villaggio dal legno a causa delle sue potenzialità "calde e naturali", che hanno percepito rispetto alla forma tecnica del progetto.   

"Un'altra fondamentale decisione progettuale è stata quella di sviluppare un linguaggio architettonico inclusivo che raccogliesse i dettagli costruttivi e le strutture delle città da diverse culture e repubbliche - così SolarVille non ha parlato a una parte del mondo isolando gli altri", hanno illuminato.   

Righe di piccoli LED radicati nella facciata di ogni casa sull'installazione illuminano per dimostrare l'energia scambiata nella comunità, mentre un portello (lembo) sul lato del tavolo consente ai visitatori di percepire le transazioni energetiche in tempo reale che si svolgono attraverso la blockchain.  

Tutte queste funzionalità consentono ai visitatori di percepire e interagire con un sistema funzionante e scalabile di risorse energetiche negoziate in una rete tecnologica blockchain peer-to-peer (P2P) come di tendenza.   

"L'energia solare è già competitiva in numerose aree del mondo e possiamo solo aspettarci un continuo calo dei prezzi", ha affermato Space10. "[E] dopo un secolo di inattività, le batterie hanno iniziato a svilupparsi rapidamente, il che si traduce in uno stoccaggio molto migliore e in prezzi molto economici, che rendono le batterie commercialmente valide".   

Strategia positiva per le persone e il pianeta   

In concomitanza con il concetto, Space10 ha anche pubblicato una relazione sull'applicazione del solare fotovoltaico come tecnica principale per decarbonizzare l'energia. Ha sottolineato come 90.000 terawatt (TWs) di energia solare equivalessero a 900 TWs di energia eolica possono essere sfruttati universalmente - e la biomassa o l'energia idrica erano "ulteriori ordini di grandezza secondari anche del vento".   

Sottolinea inoltre i problemi dell'energia nucleare, che ha detto "sia la fissione che la fusione hanno grossi problemi" con la prossima generazione di centrali nucleari che attestano costose ricostruzioni e problemi di bilancio. Inoltre, la conservazione dei rifiuti era ancora una preoccupazione importante con un modo economico e sicuro non ancora scoperto.   

Il concetto viene dopo gli spietati obiettivi di business completi dell'Ikea, in particolare sulla sostenibilità. Ha lo scopo di abbattere le emissioni di gas serra (GHG) dai suoi magazzini e dalle sue operazioni di oltre l'80% entro il 2030, uno sforzo che è stato appropriatamente adottato dall'Iniziativa sui bersagli basata sulla scienza (SBTi).    

Lo stratagemma positivo di Ikea pensa a come il retailer internazionale vuole sostenere l'economia circolare oltre gli obiettivi principali di diventare "clima positivo" e approvvigionarsi di energia rinnovabile al 100% oltre a un veto di plastica monouso entro il 2020. Farà anche fatica a creare tutti gli articoli che utilizzano materiali specificamente rinnovabili e riciclati entro il 2030.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/ikeas-research-blockchain/