I leader del G7 vogliono saperne di più su Bitcoin

Oct 28, 2019 at 14:00 // News
Author
Coin Idol
G7 bitcoin

I leader delle sette più potenti economie mondiali vogliono esplorare completamente Bitcoin al suo massimo potenziale. Il G7 ha recentemente pubblicato un rapporto sulla criptovaluta che studia gli effetti delle monete stabili globali. Il G7 che include Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Italia, Giappone, Francia e Canada ha anche hub leader per progetti di criptovaluta e blockchain.

Bitcoin potrebbe diventare mainstream nei Paesi del G7

Il gruppo delle sette più potenti centrali economiche del mondo sta esplorando i modi per far sì che Bitcoin diventi mainstream nelle loro economie. Il G7 ha recentemente pubblicato un documento a 37 pagine mirato a studiare gli effetti delle stablecoin su scala globale. Come leader mondiale delle tecnologie, il G7 vuole aprire la strada anche alla criptovaluta.

Nel rapporto, il G7 ha previsto il potenziale della criptovaluta nell'aiutare efficacemente i pagamenti transfrontalieri. Il rapporto ha evidenziato che le piattaforme esistenti sono ancora lente, costose e non trasparenti per tutti gli stakeholder. Tuttavia, il rapporto rileva che le criptovalute sono attualmente detenute per ordini del giorno speculativi piuttosto che un'attività monetaria efficiente.

Il documento menziona anche che Bitcoin, la criptovaluta più famosa non è riuscita a fornire un mezzo affidabile di transazioni. Ha descritto che Bitcoin subisce significative fluttuazioni di prezzo, problemi di scalabilità e interfacce utente complesse. Ha anche rivelato che alcune persone non si fidano della criptovaluta a causa di problemi di governance e normative.

Il futuro delle Stablecoins

Nel frattempo, le stablecoin stanno emergendo come la migliore sostituto di Bitcoin, Ethereum e le altre attività cripto, ma con un prezzo stabile. Le Stablecoin sono per molti versi identiche alle altre criptovalute. Le monete stabili promettono un prezzo stabile sostenendo le attività cripto su altre attività di valore reale come l'oro e l'USD.

Tuttavia, l'articolo ha affermato che le stablecoin non sono ancora riconosciute a livello internazionale e ha avvertito che le monete stabili sono ancora soggette a fluttuazioni. Il rapporto indica inoltre che le stablecoin presentano ancora un rischio simile proprio come qualsiasi altra criptovaluta. Nelle scuderie degli Stati Uniti, i legislatori hanno presentato un disegno di legge per la regolamentazione delle stablecoin.

Tra le monete stabili più importanti in arrivo c'è il Libracoin di Facebook sviluppato da Facebook Inc. Tuttavia i leader del G7 hanno espresso preoccupazione per l'imminente criptovaluta sostenendo che violerebbe le loro leggi nazionali di regolamentazione finanziaria. Altre società tradizionali come JP Morgan Chase stanno lavorando anche alla loro stablecoin.

Colli di bottiglia esistenti per gli usi di criptovaluta

Il rapporto G7 ha evidenziato alcune delle sfide poste dalle stablecoin al grande pubblico. Tra le sfide, la relazione menziona la supervisione e la regolamentazione tra le principali questioni. Il rapporto afferma inoltre che le stablecoin potrebbero offrire un rifugio per il riciclaggio di denaro e il finanziamento di attività terroristiche.

Nel frattempo, il rapporto ha anche rivelato la maggiore paura della criptovaluta e delle stablecoin come certezza del diritto, buon governo tra gli altri. Il G7 preferisce una criptovaluta che il loro governo sovrintende direttamente. Il rapporto indicava che i sistemi di pagamento in criptovaluta sono ancora discutibili in termini di sicurezza, efficienza e integrità.

Il G7 teme che l'industria delle criptovalute non consenta una concorrenza leale tra i giocatori. Il gruppo ha consigliato ai propri membri di lavorare allo sviluppo di road map per migliorare l'efficienza e ridurre i costi dei pagamenti e dei servizi finanziari, ma al momento non fare affidamento sulla criptovaluta.

Show comments()