La Blockchain per proteggere il diritto alla portabilità dei dati e rivoluzionare la società digitale

Dec 25, 2019 at 15:29 // News
Author
Coin Idol
La Blockchain potrebbe rivoluzionare la società digitale

Le piattaforme digitali si stanno diffondendo sempre di più con modelli di business basati sui nostri dati e di default minacciano i nostri diritti. D'altro canto, il privilegio della portabilità delle informazioni personali richiesto dal GDPR assume un ruolo importante per un cambiamento.

È molto difficile da implementare. Tuttavia, le innovative tecnologie di contabilità distribuita inclusa la blockchain possono aiutare a risolvere questo problema e Italia, Stati Uniti e altri paesi hanno già iniziato a lavorarci.

Il diritto alla portabilità dei dati sancito dal Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) ha un ruolo importante da svolgere a favore degli utenti delle relazioni di potere che, nella società digitale, sono ora fortemente orientate verso gli interessi di grandi piattaforme come Google e Facebook .

Ma è ancora un diritto fuggitivo. Molto poco implementato: notizie di pochi giorni fa, Facebook inizia a sperimentare la portabilità delle foto su Google, tutto un anno e mezzo dopo l'entrata in vigore del GDPR.

I punti critici del diritto alla portabilità dei dati

Solo la versione finale dell'arte. 20 GDPR porta con sé una serie di punti critici. Innanzi tutto, l'oggetto del diritto: si riferisce espressamente alle informazioni personali riguardanti l'interessato e che ha fornito al titolare del trattamento.

Ne consegue che a seconda che l'espressione "informazioni fornite" sia interpretata in senso restrittivo, limitando la sfera ai soli dati esplicitamente ricevuti dall'individuo, piuttosto che ampiamente in linea con il considerando 68 incluso nella nozione di informazioni fornite anche quelle " fornite passivamente "o osservate e dedotte, le conseguenze cambiano in modo coerente e assumono un'importanza critica che tuttavia non ha ancora visto le autorità prendere una decisione su quali dovrebbero essere i limiti della portabilità dei dati.

Va da sé che la mancanza di un quadro normativo chiaro e definito, dalle possibili estese o restrittive applicazioni del diritto alla portabilità, dipenderà dai delicati sviluppi dell'attuale contesto digitale: le informazioni dedotte per citare una delle aree più delicate . Le implicazioni di tutto ciò si rifletteranno in altrettanti diritti, incluso il privilegio di libero sviluppo della personalità umana e il diritto all'uguaglianza.

Tuttavia, gli scenari cambieranno profondamente a seconda della preferenza data ai due diversi approcci in relazione alla questione dell'interferenza tra il diritto alla portabilità, il diritto di accesso e il diritto di recesso.

Mentre allo stesso tempo rappresenta una sfida al tradizionale sistema di concorrenza e ai privilegi di controllo delle persone sulle loro informazioni, nonché un'opportunità per l'interoperabilità dei sistemi, il diritto alla portabilità ha un impatto sugli individui, sull'economia dei dati e sulle organizzazioni. E per quest'ultimo, gli sforzi tecnici richiesti potrebbero effettivamente essere meno complicati di quanto si possa pensare per quanto riguarda i problemi inerenti al corretto adempimento dopo l'esercizio del diritto.

Banche dati basate su Blockchain

In una società sempre più affamata di dati, per anticipare bisogni e desideri, coloro che raccolgono, ordinano, archiviano e vendono informazioni hanno una ambita valuta di scambio. I broker di dati lo sanno bene e forse non sono i soli. Gli individui, d'altra parte, con le dovute eccezioni, sembrano ancora non avere alcun interesse.

Come è noto, negli ultimi tempi sono stati creati "incubatori di dati di avvio" che intendono portare gli utenti nel grande business dei big data, attraverso servizi che remunerano ogni informazione trasferita su piattaforme online. Un intento ambizioso oltre che pericoloso soprattutto se associato al livello di consapevolezza degli utenti circa la reale portata del diritto alla portabilità ai sensi dell'articolo 20 del GDPR e dei loro privilegi in generale.

In breve, vengono scaricate app specifiche, alcune basate su registri blockchain, vengono indicati i loro profili social e le offerte commerciali vengono valutate dalle aziende interessate alle informazioni personali. Una volta accettata l'offerta economica, la società acquirente promette di pagare l'utente.

In Italia un'applicazione lanciata alla fine del 2018 da un noto imprenditore mira a diventare una vera "banca dati" una sorta di deposito in cui informazioni anonime possono essere trasmesse e quindi investite nel mercato. Tutto ciò, secondo i fondatori, con un approccio etico che ha incuriosito le Autorità che, tuttavia, non hanno ancora rivelato le loro verifiche.

Negli Stati Uniti, il senatore Mark Warner della Virginia ha annunciato una proposta per costringere le società tecnologiche a tell utenti il valore delle loro informazioni. In California, dove il California Consumer Privacy Act ha già incluso nelle sue disposizioni la portabilità come sottoprodotto del diritto di accesso, Governatore

Che può essere solo preliminare e destinato ad essere integrato come un lavoro in corso, non si può non ribadire il privilegio della portabilità dei dati come regolato nel GDPR, insieme all'interpretazione data da WP 29 e altri "diritti di porting", assume il ruolo di primaria importanza nella prospettiva della strategia del mercato unico digitale nell'Unione europea.

Show comments()