Il ruolo delle startup Blockchain nella creazione dell’Internet del valore

Jan 02, 2020 at 15:36 // News
Author
Coin Idol
La Blockchain sta sviluppando una rete di valore di prim'ordine oltre a plasmare il mondo digitale

Un buon numero di aziende tecnologiche a livello globale si avventura costantemente in tecnologie futuristiche tra cui blockchain, Bitcoin e altre criptovalute, e questo è un modo per sviluppare una rete di valore di prim'ordine e modellare il mondo in cui vogliono operare.

La relazione tra una startup e blockchain è sempre stata speciale. Per coloro che creano e sviluppano innovazione, la blockchain è molto più di una tecnologia, una piattaforma o un ambiente di sviluppo.

Per le sue caratteristiche, la blockchain (tecnologia di registro distribuito - DLT) piuttosto che una semplice tecnologia si presenta come una forma di cultura che ha le sue radici profonde nei principi di decentralizzazione e digitalizzazione.

Il rapporto tra blockchain e startup investe ovviamente la dimensione tecnologica, ma si estende a molte altre aree di innovazione, tutte strettamente connesse, come quella legata ai metodi di finanziamento o quelli legati alla creazione di nuove forme di transazioni e relazioni tra soggetti in vigore la capacità di gestire beni di valore in modo innovativo.

La tassonomia delle società DLT

L'analisi effettuata dall'Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger si è concentrata su 605 startup internazionali fondate da aprile 2014 e con un ultimo prestito acquisito nel periodo tra aprile 2017 e aprile 2019. Le aziende DLT che sono nella prima fase delle sue operazioni hanno stato classificato per area di applicazione e per processo di riferimento.

Per ogni stabilimento è stata identificata un'area di applicazione basata su una serie di settori quali: finanza, agroalimentare, criptovalute, scopi generali, media e arte, logistica, automobilistico, aereo, assicurativo, telecomunicato, lusso, sanità, utilità, altro.

In termini di processo, la classificazione ha focalizzato l'attenzione sull'impatto delle startup sui seguenti processi: Exchange & Trading, Pagamento, Mercati dei capitali, Portafoglio, Votazione, Sviluppo software, Identità, Gestione di dati e documenti, Gestione della pubblicità, Finanza della catena di approvvigionamento, Monitoraggio E catena di approvvigionamento, Registro delle proprietà, Prestiti e crowdfunding, Altro.

Dal punto di vista della distribuzione geografica, le imprese intervistate rappresentano il 32% dei casi in Europa, dove hanno ricevuto finanziamenti per 2.659 milioni di dollari, il 41% è in Nord America con un finanziamento di $ 2.951 milioni, il 2% è nel sud e nel centro America con un finanziamento di 148 milioni di dollari, nel 22% sono in Asia con $ 2,178 milioni di finanziamento, in Oceania per il 2% con 317 milioni di dollari e in Africa per l'1% per $ 19 milioni di finanziamento.

Settori in cui operano le startup Blockchain

Nell'analisi condotta durante il 2018, il numero di startup mappate e analizzate si è fermato a 354 con un volume di prestiti pari a $ 6,1 miliardi. Nel 2019, il perimetro delle nuove attività che si riferiscono alla blockchain si è notevolmente ampliato, superando i 600 (604 per l'esattezza) e registrando un volume di investimenti di 8,3 miliardi di dollari. Una cifra che esclude una startup come Block.one che ha raccolto 4,2 miliardi di dollari.

Per molteplici scopi, vale a dire per scopi generali, il 28 percento delle aziende DLT intervistate nasce per raggiungere obiettivi multipli e costituisce la categoria delle società per scopi generici, un gruppo che secondo la ricerca ottiene anche il 30% del finanziamento. L'altra grande famiglia è rappresentata da startup che operano nel campo della criptovaluta che creano applicazioni o utilizzano soluzioni basate su criptovalute, portafogli o servizi relativi ai mercati.

Le startup di criptovalute rappresentano il 25 percento delle aziende analizzate e dal punto di vista finanziario pesano sempre il 25%. Poi ci sono le startup che operano nel settore finanziario che rappresentano il 20%. Gli altri settori seguono con Media & Arts, che riunisce l'11% delle startup, la sanità e il mondo Telecom sia con il 2 percento e infine Utility e Agrifood a loro volta con l'1%.

È interessante osservare come è cambiata la distribuzione dei finanziamenti tra l'analisi del 2018 e del 2019. Nel 2018 il "General Purpose" aveva il 13% del finanziamento ed è andato al 30%, di criptovaluta era al 33% e hanno segnato una riduzione al 25%, la finanza è sostanzialmente stabile dal 26 al 23%, Media & Arts è passata dal 13 all'8%.

È anche interessante vedere il finanziamento medio per le startup in base al settore. In questo caso la classifica è guidata dalle startup del mondo Telecom, dove 11 nuove società hanno un investimento medio di $ 29,8 milioni per azienda, seguito dal mondo finanziario, molto più popolato con 121 società e con $ 15,5 milioni di investimenti medi, aziende di scopo sono terze con 168 firmi e con un investimento medio di $ 14,5 milioni. Il settore Agrifood dovrebbe essere notato con 10 nuove imprese e un investimento medio di $ 5,8 milioni per azienda.



Show comments()