JPMorgan: il prezzo del bitcoin è ora inferiore al costo di un miner BTC

Feb 14, 2019 at 10:54 // News
Author
Coin Idol
Il costo medio in contanti per la produzione di 1 Bitcoin in media è di. $ 4,060 in tutto il mondo nel quarto trimestre del 2018.

Secondo la ricerca sul campo, il costo  ponderato per la produzione di 1 Bitcoin (BTC) in media è di ca. $ 4,060 in tutto il mondo nel quarto trimestre (T4) del 2018, secondo gli analisti di JPMorgan Chase Co. Questo costo è molto più alto dell'attuale prezzo di Bitcoin come riporta Bloomberg.

Lo stesso BTC viene scambiato a circa $ 3,600 con una capitalizzazione di mercato di oltre $ 63,796 miliardi. Non sembra un grosso problema. Tuttavia, c'è una grande ressa intorno ai media, il che implica che ci sono molti vinti perdenti e vincitori.

Secondo i dati di coinmarketcap, Ethereum si scambia a $ 123 con un market cap di oltre $ 12,93 miliardi e Ripple a $ 0,3057 con un market cap di $ 12,597 miliardi.

I minatori cinesi a basso costo sono in grado di pagare molto meno - approssimativamente $ 2400 per BTC, influenzando gli accordi di acquisto di elettricità diretta (energia) con generatori di energia come gli smelter di alluminio che cercano di vendere la produzione di elettricità in eccesso, gli analisti di JPMorgan guidati da Natasha Kaneva l’hanno rivelato in un rapporto del 24 gennaio sulle valute digitali che è stato affiancato da Joyce Chang.

L'alto costo dell'elettricità minaccia l'industria

La potenza tende ad essere il costo più alto per i miners, necessaria per far funzionare piattaforme di computer ad alta potenza che elaborano blocchi di dati per guadagnare BTC.

"Il calo dei prezzi di BTC da ca. $ 6,500 durante ottobre fino a $ 4,000 ora ha margini sempre più spinti ulteriormente negativi per quasi tutte le regioni tranne che per i minere cinesi a basso costo ", hanno rivelato gli analisti. 

Le cifre di stima dei costi non includono le attrezzature.

Come rilevato da Coinidol nel dicembre 2018, la difficoltà di estrazione di BTC si è ridotta di circa il 7% della sua capacità complessiva. A prescindere dal rally di Bitcoin in quel momento, i minatori di Bitcoin continuavano a lasciare l'attività perché non stavano facendo profitti.

Con margini negativi, è previsto che più produttori ad alto costo, in un modo o nell'altro, saranno costretti a smettere.

Tale scenario non si è ancora verificato e le quote di produzione dei minatori con sede in Islanda, Repubblica Ceca e Stati Uniti  sono infatti aumentate leggermente negli ultimi 14 mesi, secondo JPMorgan.

Se c'è una calo, gli altri cripto-minatori rimasti possono effettivamente vedere i loro costi scendere perché vincerebbero una quota significativa di BTC per la stessa quantità di consumo di energia.

Se perseverano solo i miners cinesi a basso costo, il costo marginale potrebbe scendere a non più di $ 1,260 per BTC.

Divergenza

Le rotazioni dei prezzi hanno anche modellato BTC e altre valute digitali rialziste come una riserva di valore imparziale e persino come un limite di diversificazione nelle collezioni.

La correlazione di BTC negli ultimi 12 mesi con tutte le altre attività è stata quasi prossima allo zero (0). Le basse correlazioni possiedono un valore minore se l'attività del limite si trova in un mercato ribassista. Il BTC è crollato di circa il 74% nel 2018. La SP 500 ha perso quasi il 6,2%.

Troverete che la disponibilità di energia elettrica a basso costo in un determinato paese normalmente attrae i minatori di criptovaluta. Ad esempio, l'Iran ha un prezzo di energia elettrica di circa $ 0,006 kWh, come riportato da Coinidol. Una delle nazioni che consumano meno energia elettrica.

Tuttavia, alcuni paesi hanno rimosso i sussidi fiscali sull'elettricità che in precedenza erano concessi a tutti i minatori Bitcoin. La Norvegia era uno di loro. Il governo ha affermato che questa attività consuma troppa elettricità. Produce anche grandi quantità di gas serra, come rivelato da Coinidol.

I minatori di Bitcoin furono persino condannati per aver rubato elettricità. Coinidol ha riferito che questo accadde nel 2017 in Venezuela. Questo è un chiaro segnale che l'attività utilizza troppa energia. Quindi diventa più costoso da gestire per i minatori su larga scala.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:    https://coinidol.com/bitcoin-price-mining/

Show comments()