La Banca d'Italia dubita della natura della criptovaluta

Jul 05, 2019 at 10:05 // News
Author
Coin Idol
 Lo studio rivela che non soddisfano la definizione di un'attività finanziaria.

Secondo una recente indagine della Banca d'Italia sulla bolla dei media avviata da Libra, il progetto di Facebook, ci sono molti dubbi sulla natura di questi strumenti, sia funzionali che legali. Lo studio rivela che non soddisfano la definizione di un'attività finanziaria; l'elevata volatilità dei prezzi non li rende equivalenti alle attività liquide simili alla valuta; e quelli convertibili a un tasso di cambio fluttuante non hanno le caratteristiche del denaro legale o moneta legale.

Tuttavia, queste considerazioni non hanno posto il veto al paese di includere criptovalute tra le informazioni che le istituzioni bancarie devono ispezionare e monitorare nel contesto dei rischi di mercato, di credito, di controparte e di liquidità.

Altre innovazioni per venire nel futuro

Nel 2017, le banche finanziarie della penisola hanno investito oltre 4,2 miliardi di euro in investimenti tecnologici e ammortamenti e, naturalmente, si tratta di una spesa in costante aumento che aumenta di oltre il 5,5% all'anno.

Considerando la ripartizione di tali costi per aree funzionali, è chiaro che circa il 50% è assorbito dai processi operativi, con un'ulteriore crescita minore; seguito da processi di supporto di circa il 23% e processi di marketing, commerciali e di servizio alla clientela di circa il 20,2% e processi governativi di circa il 10%.

Le banche italiane spendono oltre 2 miliardi di euro l'anno o più dello 0,1% del prodotto interno lordo (PIL) per garantire le loro funzioni fondamentali: trasferimenti, finanziamento, gestione delle partite correnti, ecc. Il paese non vuole mettere tutte le sue uova in un paniere , ha deciso di investire in innovazioni che includono criptovaluta e blockchain in una moltitudine di settori che possono migliorare la sua economia e migliorare gli standard di vita dei cittadini. Alcuni dei settori in cui la blockchain è stata utilizzata in Italia comprendono assicurazioni, sanità, agricoltura, turismo e cultura, agroalimentare, energia, arte, trasporti e logistica, e molte aree importanti.

Alcuni dei maggiori operatori di mercato hanno previsto i primi esperimenti entro il 2021 in aree semplici e bilaterali, come i pagamenti transfrontalieri e entro il 2025, si vedranno casi più complessi con più attori, come la finanza, e nei prossimi 10 anni quasi tutti le operazioni in diversi settori saranno basate su tecnologie blockchain.

La tecnologia potrebbe prendere la parte del leone

Il potenziale delle nuove tecnologie come i contratti intelligenti, le criptovalute, l'intelligenza artificiale, la blockchain, l'internet delle cose, ecc., Nei sistemi bancari sarà fondamentale. E può svolgere un ruolo attenuante o accelerante negli squilibri bancari. Si consideri il caso delle rimesse, i cui costi sono ancora incredibilmente elevati nonostante le numerose innovazioni tecnologiche dirompenti degli ultimi anni. L'Italia deve trovare un modo efficiente e sicuro per utilizzare la blockchain e la tecnologia DLT (distributed ledger technology) per fornire servizi a basso costo a chiunque voglia trasferire denaro in tutto il mondo.

Dal punto di vista della finanza etica, di conseguenza, è molto chiaro che il gioco sarà giocato nello scontro tra i grandi nomi della tecnologia globale come Google, Amazon, Facebook, ecc. E le nuove forme di pluralismo e proprietà distribuita del mezzi di produzione, gestione e trasferimento di informazioni. Finora, la blockchain rappresenta la principale speranza, anche se ancora immateriale e vulnerabile, affinché le cose vadano nella giusta direzione.