La Banca d'Italia chiama Bitcoin inutile, rischioso e inefficiente

Mar 24, 2019 at 12:21 // News
Author
Coin Idol
La banca non è contenta di come vengono utilizzate le criptovalute.

Recentemente, la Banca centrale d'Italia ha pubblicato un rapporto contro le valute digitali, incluso Bitcoin (BTC), definendole pericolose, inutili, speculative e inefficienti. La banca non è contenta di come vengono utilizzate le criptovalute.

Molti criminali hanno approfittato delle crypto per gestire le loro attività illegali come il finanziamento del terrorismo come al-Qaeda, il riciclaggio di denaro, il sostegno alla prostituzione, la droga, il sesso, ecc.   

Coinvolgimento cripto-fanatico nelle attività illecite   

Secondo il rapporto 2015 Europol, Bitcoin è stato indietro nei pagamenti di transazioni criminali e malevoli di alto profilo di oltre il 40% nell'UE.   

Nel febbraio 2018, un gruppo di ricerca australiano ha scoperto che ¼ degli appassionati di criptovaluta sono impegnati in attività malevole. Loro hanno detto:   

"Troviamo circa un quarto degli utenti di Bitcoin e metà delle transazioni di Bitcoin sono associate ad attività illegali. Circa $ 72 miliardi di attività illegali all'anno coinvolgono Bitcoin, che è vicino alla scala dei mercati statunitensi ed europei per le droghe illegali".   

La differenza di approccio tra la Banca centrale d'Italia e la Federal Reserve (Fed) è chiara, e forse non è un caso che gli Stati Uniti stiano diventando uno dei paesi più vivaci, attivi e solidali nel panorama delle valute virtuali.   

Bitcoin e Blockchain sono inseparabili   

"Al contrario, vi è uniformità di opinioni sul fatto che il tema della" criptoattività "(nei vari tipi) deve essere separato da quello della tecnologia sottostante - DLT: quest'ultimo, se tecnologicamente robusto, potrebbe avere un grande potenziale in particolare nel campo dello storage crittografico, l'uso di smart contracts e alcuni tipi di cripto. Accordo anche sul fatto che questi sviluppi tecnologici aprano scenari di ampio e incerto ambito per i processi di intermediazione e organizzazione dei mercati".   

La decentralizzazione è una vera e propria innovazione dirompente, secondo il rapporto soprannominato "Aspetti economici e normativi delle attività di criptovaluta", quindi le tecnologie di contabilità generalizzata non possono in realtà funzionare senza un cryptoasset.   

Molti italiani non riescono a capire la vera natura e la portata di tecnologie innovative dirompenti come smartphone, internet, valute digitali, commercio digitale (alias e-commerce), social network e altri.   

Gestione dei diritti di proprietà   

Il rapporto della Banca d'Italia, redatto da Andrea Caponera insieme a Carlo Gola, affronta le attività di criptovaluta che:   

"Appartengono alla classe di token digitali (token privati), senza diritti incorporati, convertibili, a prezzo variabile che operano tramite un protocollo elettronico gestito in modo decentralizzato attraverso la tecnologia blockchain".   

Gli autori sembravano non capire la differenza tra il registro distribuito decentralizzato e il registro centralizzato, quando dicevano che:   

"BTC è la prima moneta virtuale per la quale i diritti di proprietà delle diverse unità monetarie sono gestiti in una rete decentralizzata: non esiste un'autorità centrale, nessun leader e nessuna direzione, eppure funziona". 

Tuttavia, la Commissione Nazionale per la Società e la Borsa (Consob) ha recentemente pubblicato un'utile consultazione sugli ICO che forniscono linee guida vitali in Europa attraverso un certo progetto importante che vuole proteggere tutte le emittenti e gli utenti di moneta virtuale in Italia.

Puoi leggere questo articolo in inglese segui il link:  https://coinidol.com/bitcoin-useless-risky/

Show comments()